VACCINAZIONI NEL CONIGLIO, CONOSCIAMO IL NEMICO

Il coniglio domestico ha conquistato uno spazio sempre più grande nelle case e nel cuore dei proprietari di animali domestici, diventando il terzo animale da compagnia più diffuso nel nostro paese.

La sua vita media si è allungata grazie all’alimentazione più controllata, alle migliori condizioni di vita ed alla prevenzione delle malattie infettive; ma cosa sappiamo davvero di loro?

Le malattie principali per cui bisogna garantire una buona protezione sono tre: mixomatosi, malattia emorragica virale (MEV) di tipo 1 e di tipo 2.

Le malattie:

1)Myxomatosi

CAUSA:

Virus Myxoma

ANIMALI COLPITI:

Cuccioli ed adulti

TRASMISSIONE:

Diretta: Contatto diretto con animali infetti o portatori sani del virus.

Indiretta: Vettori ematofagi che si nutrono di sangue infetto (zanzare, pulci, zecche)

NB: Una zanzara infetta può percorrere molti chilometri, e rimanere infettante fino a 220 giorni.

INCUBAZIONE:

5-15 giorni.

DIFFUSIONE:

Endemica nel nord Italia, presente nel centro ed in Campania, poco diffusa al sud e isole.

MORTALITA‘:

Molto elevata, dal 50 al 100% degli animali colpiti, a seconda del ceppo virale.

TERAPIA:

Non esiste nessuna terapia efficace.

2)Malattia emorragica virale.

CAUSA:

Virus RHDV.

ANIMALI COLPITI:

Solo in animali >50 giorni di vita.

TRASMISSIONE:

Diretta: Contatto diretto con animali infetti o portatori sani del virus.

Indiretta: Vettori ematofagi che si nutrono di sangue infetto (zanzare, pulci, zecche)

Vettori passivi  (uccelli, insetti, roditori e uomo) che raccolgano secreti o escreti infetti

NB: una sola minuscola cacchetta di mosca contiene abbastanza virioni da infettare un coniglio!

INCUBAZIONE:

16-72 ore

DIFFUSIONE:

Nord Italia, presente anche al centro.

MORTALITA‘:

Molto elevata, dal 40 al 90% degli animali colpiti nelle popolazioni indenni.

TERAPIA:

Non esiste nessuna terapia efficace

3) VARIANTE RHDV2 o MEV 2

CAUSA:

Virus RHDV 2, simile al primo ma con diversi antigeni, motivo per cui il vaccino per MEV 1 non è protettivo nei suoi confronti.

ANIMALI COLPITI:

Animali di tutte le età, soprattutto dopo i 15 giorni di vita.

TRASMISSIONE:

Diretta: Contatto diretto con animali infetti o portatori sani del virus.

Indiretta: Vettori ematofagi che si nutrono di sangue infetto (zanzare, pulci, zecche)

Vettori passivi  (uccelli, insetti, roditori e uomo) che raccolgano secreti o escreti infetti

NB: una sola minuscola cacchetta di mosca contiene abbastanza virioni da infettare un coniglio!

INCUBAZIONE:

16-72 ore

DIFFUSIONE:

Comparsa al nord, in Veneto ed in Sardegna. SI è estesa a diverse regioni italiane. In Francia ha quasi soppiantato il ceppo classico.

MORTALITA‘:

Molto elevata, dal 40 al 90% degli animali colpiti nelle popolazioni indenni.

TERAPIA:

Non esiste nessuna terapia efficace.

Da questo breve schema si capisce che:

  • Queste malattie sono estremamente contagiose ed hanno mortalità molto elevata.
  • Colpiscono animali giovani ed adulti
  • Possono essere trasmesse da vettori come zanzare, mosche ed anche dall’uomo che funge da vettore passivo. Non è quindi vero che conigli che vivono solo in casa siano più al sicuro di conigli che stanno all’aperto.
  • Non esistono cure efficaci, l’unica arma a disposizione è la prevenzione mediante prodotti repellenti per mosche e zanzare, e mediante piani vaccinali personalizzati a seconda delle esigenze, con vaccini sicuri che garantiscano la massima copertura.

CURA A 360°

Contattateci